L’uso dei cookie nel web viene regolamentato dal Garante della Privacy

Home » Blog » E-commerce » L’uso dei cookie nel web viene regolamentato dal Garante della Privacy

Il provvedimento del Garante della Privacy protegge la privacy dell’utente regolamentando l’utilizzo dei cookie di profilazione.

Il Garante per la Privacy ha emesso un provvedimento a carattere generale dal titolo “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” dell’ 8 maggio 2014 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014): non si possono installare cookie per finalità di profilazione marketing da parte di gestori dei siti senza prima aver ottenuto il loro consenso.

Tempo un anno (fino all’3 giugno 2015) per l’adeguamento.

Cos’è un cookie?
E’ una stringa di testo che viene inviata dal sito visitato dall’utente al browser. Vengono memorizzate le informazioni di navigazione e ritrasmesse alla successiva visita dell’utente (ad esempio: sto facendo un acquisto su un sito di ecommerce, si chiude inaspettatamente il browser, lo riapro e ritrovo tutte i miei prodotti nel carrello). I cookies possono provenire anche da siti esterni a quello visitato: vengono attivati mediante elementi come link, immagini, mappe, etc.

A cosa servono?

  • Eseguire autenticazioni informatiche
  • Monitorare sessioni
  • Memorizzare informazioni specifiche e configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server

Vista la funzione dei cookies, il Garante ha deciso di regolamentarne l’utilizzo, chiarendo una differenziazione tra cookie tecnici e cookie di profilazione.

Cookie tecnici
Sono installati dal titolare o dal gestore del sito web. Si suddividono in:

  • Cookie di navigazione (o sessione): garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web permettendo, ad esempio, l’acquisto e la registrazione ad aree riservate.
  • Analytics: raccolgono informazioni sugli utenti, su come visitano il sito
  • Cookie di funzionalità: permettono una navigazione filtrata del sito a seconda di alcune opzioni scelte (ad esempio la lingua).

Per questi cookies non è richiesto il preventivo consenso degli utenti ma è necessario presentare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice.
Questo perchè, come già scritto, sono semplici file di testo che non possono, per loro natura, monitorare tutti i siti web visitati dall’utente e raccogliere informazioni personali. Questi cookie sono tecnicamente generati, consultati e modificati solo dal sito che ne ha richiesto l’impiego.

Cookie di profilazione
Si chiamano così perchè servono a creare dei profili relativi all’utente per poter inviare dei messaggi pubblicitari aderenti ai suoi interessi. Questi cookie vengono creati su misura delle aziende di advertising (definite “terze parti” rispetto al proprietario del sito web): ogni volta che l’utente visita un sito e poi ne visita altri, appartenti allo stesso network pubblicitario, gli vengono riproposti  banner inerenti ai suoi interessi. Un esempio  è quando visitiamo un sito web che vende abbigliamento sportivo. Visitiamo la sezione dedicata alle scarpe da trekking , ma non compriamo nulla a causa della non disponibilità del modello desiderato. Da questo momento in poi, il network di siti che fanno parte del circuito, mostrerà all’utente banner di scarpe da trekking. In pratica, ponendoci dal punto di vista del gestore del sito web, ogni qualvolta impostiamo una campagna di remarketing (qui una spiegazione ben dettagliata) nel nostro sito, gli utenti troveranno i nostri banner nei siti che visiteranno, successivamente.

Per proteggere la privacy degli utenti, il Garante ha stabilito che, quando si accede alla homepage o ad un altra pagina di un sito web, deve comparire un banner visibile indicante che:

  • il sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati
  • il sito consente anche l’invio di cookie di terze parti ossia di cookie installati da un sito diverso da quello visitato
  • un link ad un’informativa più ampia con l’indicazione sull’uso dei cookie inviati dal sito, dove sia possibile negare il consenso alla loro installazione direttamente  o collegandosi ai vari siti nel caso dei cookie di terze parti
  • l’indicazione che, proseguendo nella navigazione, (ad  esempio, accedendo ad un’altra area del sito o selezionando un’immagine o un link)  si presta il consenso all’uso dei cookie

Il Garante ha predisposto un banner di esempio da prendere come spunto.

Il Provvedimento sembra però non tenere conto che le cosiddette “terze parti” (aziende di advertising) possono avere sede fuori dall’Italia e che Google, o altre società, mettono già a disposizione degli strumenti per la gestione dei cookie come si può vedere qui oppure qui.

Il provvedimento del Garante è consultabile nella versione integrale oppure in quella breve.

Fonti Garante Privacy cookie:

http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?tag=Il-Garante-Privacy-regolamenta-l-uso-dei-cookie-sul-web_1103
http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3167231
http://www.alessiopomaro.com/remarketing-retargeting-come-si-creano-campagne/

0